H2biz - International Business HUB
FRI Tur efficientamento energetico per le strutture ricettive turistiche
FRI Tur efficientamento energetico per le strutture ricettive turistiche

Fornitore      STRAIMPACT

Settore: Consulenza aziendale

Prezzo: Success fee


Condividi   |   Consiglia   |   Inoltra


FRI Tur. Il Ministero del Turismo rilancia il Bando FRI-Tur (Fondo rotativo imprese per il sostegno alle imprese e agli investimenti di sviluppo nel turismo). Si tratta dell’incentivo che punta a migliorare i servizi di ospitalità e a potenziare le strutture ricettive, in un’ottica di digitalizzazione e sostenibilità aziendale. Previsto dal PNRR, è promosso dal Ministero del Turismo ed è gestito da Invitalia.

FRI Tur: Le risorse
La dotazione finanziaria è di 780 milioni di euro, con ulteriori 600 milioni di finanziamenti bancati attivati per questa misura.

FRI Tur: A chi si rivolge?
Le agevolazioni sono rivolte a:

Alberghi;
Agriturismi;
Strutture ricettive all’aria aperta;
Imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale;
Stabilimenti balneari;
Complessi termali;
Porti turistici;
Parchi tematici, inclusi quelli acquatici e faunistici.
FRI Tur: Requisiti pere le PMI
Le imprese che intendono accedere all’incentivo devono al momento della presentazione della domanda:

Gestire un’attività ricettiva o di servizio turistico in immobili o aree di proprietà di terzi o essere proprietari degli immobili presso cui è esercitata l’attività che è oggetto dell’intervento;
Essere regolarmente costituite e iscritte al registro delle imprese;
Essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti e non trovarsi in stato di liquidazione anche volontaria o di fallimento;
Avere una stabile organizzazione di impresa sul territorio nazionale;
Essere in regola con le disposizioni in materia di normativa edilizia, urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni, della salvaguardia dell’ambiente e con gli obblighi contributivi;
Essere in regime di contabilità ordinaria;
Essere in possesso di una positiva valutazione del merito di credito da parte di una banca finanziatrice e di una delibera di finanziamento rilasciata da quest’ultima;
Adottare un apposito regime di contabilità separata laddove operanti nel settore agricolo o della pesca.
Interventi ammissibili
Gli incentivi possono essere richiesti per interventi di:

Riqualificazione energetica;
Riqualificazione antisismica;
Eliminazione delle barriere architettoniche;
Manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, installazione di manufatti leggeri;
Realizzazione di piscine termali (solo per gli stabilimenti termali);
Digitalizzazione;
Acquisto o rinnovo di arredi;
Spese per prestazioni professionali.
L’investimento deve essere riferito ad una o più unità dell’impresa richiedente situate sul territorio nazionale e deve prevedere spese ammissibili, al netto dell’IVA, comprese tra 500.000 euro e 10 milioni di euro.

I progetti devono essere realizzati entro il 31 dicembre 2025 ed essere conformi alla normativa ambientale nazionale ed europea, alla Comunicazione della Commissione UE (2021/C 58/01) e agli orientamenti tecnici sull’applicazione del principio DNSH, a norma dell’art. 17 del Regolamento UE 2020/852.

Il 50% delle risorse è destinato agli interventi di riqualificazione energetica.
Il 40% delle risorse stanziate per il contributo diretto alla spesa è destinato alle imprese con sede in una delle regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia).
Spese ammissibili
a) Servizi di progettazione relativi alle successive voci di spesa sub b) c) d) e), nella misura massima complessiva del 2%;

b) Suolo aziendale e sue sistemazioni, nella misura massima del 5%;

c) Fabbricati, opere murarie e assimilate, nella misura massima del 50%;

d) Macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica;

e) Investimenti in digitalizzazione, esclusi i costi di intermediazione, nella misura massima del 5%.

Forma dell’agevolazione

Sono previste due forme di incentivo:

Contributo a fondo perduto in conto impianti: concesso sulla base degli importi ammissibili delle spese, tenuto conto delle percentuali massime sulla base della dimensione dell’impresa e della localizzazione dell’investimento, coerentemente con i target di attuazione previsti dal PNRR.

Percentuale massima: 35% dei costi e delle spese ammissibili.
Finanziamento agevolato: concesso da Cassa Depositi e Prestiti ad un tasso nominale annuo pari allo 0,5%, con una durata compresa tra 4 e 15 anni, comprensiva di un periodo di preammortamento della durata massima di 3 anni, a partire dalla data di sottoscrizione del contratto di finanziamento.

Al finanziamento agevolato deve essere abbinato un finanziamento bancario a tasso di mercato di pari importo e durata, erogato da una banca finanziatrice che aderisce alla Convenzione del 29 agosto 2022 firmata dal Ministero del Turismo, Associazione Bancaria Italiana e Cassa Depositi e Prestiti.

Che cosa ha detto il ministro del Turismo?
“È importante spendere bene le risorse del PNRR. In quest’ambito, noi abbiamo messo a disposizione il FRI-Tur, e il Ministero del Turismo ha da poco pubblicato un nuovo avviso per parteciparvi e ottenere finanziamenti orientati a interventi di efficientamento energetico, sostenibilità, ammodernamento. Anche perché quello che dobbiamo fare per vincere la sfida del settore – ossia di riportare l’Italia al primo posto sul podio del turismo internazionale – è migliorare i servizi, la qualità e la formazione dei lavoratori del comparto.”

Lo dichiara il ministro del Turismo Daniela Santanchè nel corso del suo contributo alla 74ª Assemblea di Federalberghi, a Viareggio.

Quando inviare le domande?
La domanda di concessione degli incentivi potrà essere presentata a partire dalle ore 12:00 del giorno 01/07/2024 alle ore 12:00 del giorno 31/07/2024.

Il formulario necessario per presentare la domanda sarà disponibile in Invitalia (www.invitalia.it) nella specifica sezione dedicata alla misura, a partire dalle ore 12:00 del 30/05/2024.

La domanda di partecipazione e il progetto, redatti in lingua italiana, dovranno essere firmati digitalmente dal legale rappresentante dell’azienda proponente.

☎ Chiamaci per una consulenza gratuita con un nostro esperto


Streaming

Giorgio Grati SpA ha inserito la sua azienda in Italbiz - Made in Italy HUB Giorgio Grati
Farmadvisory Opportunità Unica: Cessione Intera Quota di Termovalorizzatore a Bucharest Si cede l'intera quota di un termovalorizzatore di eccellenza, costruito nel 2018 a Bucharest. L'impianto è già funzionante e operativo, in possesso di tutti i certificati verdi e delle necessarie autorizzazioni. Caratteristiche Principali: Ubicazione: Bucharest, Romania Anno di Costruzione: 2018 Certificazioni e Autorizzazioni: Completamente in regola, con tutti i certificati verdi e le autorizzazioni necessarie. Contratti in Essere: Contratto 1: Valore di 12,5 milioni di euro. Contratto 2: Valore di 3 milioni di euro. Entrambi i contratti sono già firmati e operativi, garantendo una solida base di guadagni. Specifiche Tecniche: Capacità di Smistamento: 45 tonnellate al giorno. Produzione di Olio Combustibile: Circa il 10% in peso dell'incenerimento è convertito in olio combustibile (gasolio marino). Dettagli Economici: Acconto Richiesto: 950.000 euro. Saldo: 950.000 euro da corrispondere in 10 rate mensili. Contatti: Per ulteriori informazioni e per organizzare una visita all'impianto, si prega di contattarmi
Katiuscia Laneri https://www.kappaelle.net/2024/06/10/leditoreel-3/
L'EDITOREEL: B&B, attenti ai portali di booking fuorilegge | KappaelleNet
L’ABBAC ha segnalato all’Antitrust l’attività di piattaforme che usano false recensioni come pretesto per farsi riconoscere un avviamento che è illegale.

Marketplace

Eventi