h2biz


_home _Impresa - banca: analisi delle anomalie bancarie

Impresa - banca: analisi delle anomalie bancarie

In questo spazio andremo ad esaminare tutti i fenomeni che caratterizzano le cosiddette "anomalie bancarie" ossia quelle cattive prassi perpetrate dagli Istituti di Credito nei confronti principalmente delle Pmi e che hanno consentito negli anni la potenziale indebita trattenuta di ingenti capitali.
Oggi è possibile recuperare i capitali non dovuti all'Istituto , riequilibrando così il rapporto tra Impresa e Banche


Categoria: Credito e finanza
Fondato da: Leonardo Lasala
Membri: 94

loggati per iscriverti | registrati

 

Alla ricerca di finanziamenti?

Postato da

Alla ricerca di finanziamenti: - Lanciare un progetto? - Inizia il tuo business? - Acquistare un appartamento? - Acquisto di un auto? - Consolidare i vostri debiti? - O qualsiasi altro motivo? Sono una persona che vi offre prestiti che vanno...  LEGGI TUTTO

“L’esercizio della libertà contrattuale alla luce del rischio di insolvenza, regole di tutela del consumatore nei contratti bancari e riflessi sugli equilibri della concorrenza”.

Postato da Ruggiero CALO'

Si intende partire dalla ineludibile considerazione dell’esistenza di un rapporto di dipendenza economica tra i contraenti in generale. Tale constatazione può essere considerata un elemento ricorrente, in quanto suscettibile di realizzarsi in tutte l...  LEGGI TUTTO

Un partner affidabile

Postato da Francesco Vallefuoco

Gruppo privato di prestito propone una gamma completa di prestiti personali, adatti ad ogni esigenza di spesa o liquidità. La specifica competenza nell'ambito della valutazione del merito di credito consente di formulare offerte di tasso correlate al...  LEGGI TUTTO

Un partner affidabile

Postato da Francesco Vallefuoco

Gruppo privato di prestito propone una gamma completa di prestiti personali, adatti ad ogni esigenza di spesa o liquidità. La specifica competenza nell'ambito della valutazione del merito di credito consente di formulare offerte di tasso correlate al...  LEGGI TUTTO

Un partner affidabile

Postato da Francesco Vallefuoco

Gruppo privato di prestito propone una gamma completa di prestiti personali, adatti ad ogni esigenza di spesa o liquidità. La specifica competenza nell'ambito della valutazione del merito di credito consente di formulare offerte di tasso correlate al...  LEGGI TUTTO

Un partner affidabile

Postato da Francesco Vallefuoco

Stai cercando soci nella tua zona per aprire un’attività? Cerchi un socio finanziatore per portare avanti un nuovo progetto imprenditoriale? Vuoi espandere il tuo business all’estero e stai cercando un partner affidabile con cui entrare in affari? Se...  LEGGI TUTTO

Disponibile per investimenti, Mutui e Finanziamenti, prestiti

Postato da Francesco Vallefuoco

Gli imprenditori,studenti,commerciante e altro, Avete un progetto , si dovrà accettare che si sposta andare alla incontrare di un investitore di ottenere un investimento, prestito o finanziamenti per i vostri progetti. Questo è vero, ti assicuro che ...  LEGGI TUTTO

Fornitura di credito tra gli individui molto affidabili

Postato da Sylvain MOREAU

Io sono un finanziario privato. Faccio crediti tra particolare a persone in difficoltà finanziarie e in grado di rimborsare l'importo del prestito. le mie condizioni di prestito sono semplici e ben definite. da 1000 è stato € 1.000.000.000 € con un...  LEGGI TUTTO

Offerta veloce e molto affidabile prestito

Postato da Sylvain MOREAU

Offerta veloce e molto affidabile prestito Io sono un finanziario privato. Faccio crediti tra particolare a persone in difficoltà finanziarie e in grado di rimborsare l'importo del prestito. le mie condizioni di prestito sono semplici e ben defini...  LEGGI TUTTO

Offerta veloce e molto affidabile prestito

Postato da Sylvain MOREAU

Offerta veloce e molto affidabile prestito Io sono un finanziario privato. Faccio crediti tra particolare a persone in difficoltà finanziarie e in grado di rimborsare l'importo del prestito. le mie condizioni di prestito sono semplici e ben defini...  LEGGI TUTTO

Avete bisogno di un finanziamento?

Postato da Paulin Fagueret

Dispongo di un capitale che mi serve a fare prestiti tra privati che vanno da 5.000 a 1.000.000€ ad ogni persona che può rimborsare entro il termine convenuto. Il tasso d'interesse è pari al 2%. Per ulteriori informazioni, volete contattarlo all'indirizzo seguente: paulinfagueret@outlook.com LEGGI TUTTO

OFFRO PRESTITI TRA PRIVATI

Postato da Paulin Fagueret

Offerta di prestito tra privato (2%). Per ulteriori informazioni, volete contattarlo all'indirizzo seguente: paulinfagueret@outlook.com LEGGI TUTTO

Crisi mercato dei mutui: quelli emessi sono anatocistici

Postato da Leonardo Lasala

Esiste un problema mutui in Italia. Il numero delle compravendite di beni immobili è sceso dalle 850.000 unità del 2006 alle 480.000 del 2012 anche a causa della difficoltà ad ottenere mutui dagli Istituti. Eppure i finanziamenti italiani sono tra i...  LEGGI TUTTO

Usura bancaria: la norma esiste ma c'è tanta confusione

Postato da Leonardo Lasala

In un recente contenzioso che ha visto protagonisti un Cliente ed un Istituto Bancario, con il primo pronto ad attaccare la Banca per il grave reato di usura bancaria, il Tribunale di Verona ha stabilito come non si debba tenere conto della commiss...  LEGGI TUTTO

Usura civile ed usura penale: due strade per la tutela dell'imprenditore nei confronti degli Istituti Bancari

Postato da Leonardo Lasala

Il confronto tra Impresa e Banche è aperto. Analisi sempre più accurate evidenziano sovente il superamento sistematico dei tassi soglia soprattutto in occasione di affidamenti bancari a cui sono collegati conti anticipi , sconti fatture ed una plural...  LEGGI TUTTO

Usura bancaria: la legge 108/96 tutela i Clienti ma....

Postato da Leonardo Lasala

Ad un qualsiasi esame di Diritto, di scuola media inferiore, superiore o addirittura universitario, tra le fonti del Diritto anche uno studente non troppo preparato riesce a proferire il termine …legge. Eppure in Italia per ciò che concerne la materi...  LEGGI TUTTO

Conti correnti e mutui: imprenditori controllate i vostri conti

Postato da Leonardo Lasala

Il controllo degli oneri sul conto corrente bancario è fallace anche nelle aziende più grandi, quelle che vantano revisioni periodiche e bilanci certificati. Pochissimi hanno preso in mano la calcolatrice cercando di capire quale è il tasso effetti...  LEGGI TUTTO

Modifica unilaterale condizioni bancarie : è legale ?

Postato da Leonardo Lasala

Un argomento discusso nei rapporti Banca - Imprese è la modifica unilaterale delle condizioni di contratto. La modifica viene effettuata unilateralmente dall'Istituto e comunicata a mezzo posta ordinaria, senza alcuna pattuizione con il Cliente. ...  LEGGI TUTTO

Recuperare i capitali indebitamente sottratti dalle banche ? Ecco cosa dice la stampa

Postato da Leonardo Lasala

Ecco una piccola parte della rassegna nazionale che dimostra come sia possibile recuperare soldi dalle banche ree di anomalie nei rapporti bancari. Anatocismo bancario: i casi Celplast e Bortoletto a Vigonza - Banca chiede a imprenditore 29mila eu...  LEGGI TUTTO

Anatocismo: per i conti ante 2000 possibile il recupero

Postato da Leonardo Lasala

Signori imprenditori: è possibile recuperare tutti gli interessi anatocistici che sono presenti sui vostri conti. Partiamo come sempre da un assunto per sviluppare la discussione. Per anatocismo, s'intende la prassi bancaria che vede applicati su...  LEGGI TUTTO

Usura bancaria: spese, commissioni ed interessi possono essere recuperati se superato il tasso soglia

Postato da Leonardo Lasala

L'usura bancaria è un fenomeno molto frequente nei rapporti tra banca ed impresa. Punto di riferimento nel settore è la legge 108/96. Secondo la normativa per ogni trimestre è possibile individuare un tasso effettivo globale (TEG) quale tasso realmen...  LEGGI TUTTO

Impresa - Banche: oggi è possibile riequilibrare i rapporti

Postato da Leonardo Lasala

Il rapporto tra Impresa e Banche è da sempre caratterizzato da una sorta di "sudditanza psicologica" che soprattutto le PMI dimostrano da sempre nei confronti degli Istituti. Negli ultimi anni (ed in particolare nell'ultimo biennio) questa relazione ...  LEGGI TUTTO


 

“L’esercizio della libertà contrattuale alla luce del rischio di insolvenza, regole di tutela del consumatore nei contratti bancari e riflessi sugli equilibri della concorrenza”.

Si intende partire dalla ineludibile considerazione dell’esistenza di un rapporto di dipendenza economica tra i contraenti in generale. Tale constatazione può essere considerata un elemento ricorrente, in quanto suscettibile di realizzarsi in tutte le “relationals contracting”, riguardando non soltanto i patti tra contraente-professionista e consumatore, bensì anche i rapporti contrattuali tra imprenditori. Il problema della giustizia contrattuale sostanziale, difatti, può ben porsi anche nell’esercizio della libertà contrattuale tra un piccolo imprenditore ed una grande impresa.
Attualmente il diritto comunitario fornisce una tutela del professionista-contrente debole in modo frammentario e mediato, ponendosi l’obiettivo primario della tutela della concorrenza e del mercato, con provvedimenti in vigore nell’Unione Europea, fra i quali si ricordano i regolamenti 1983/83 e 1984/83 relativi, rispettivamente, agli accordi di distribuzione e di acquisto esclusivi; il regolamento CE 4087/88 in materia di franchising; il regolamento 1475/95 e successive modificazioni riguardante la distribuzione di automobili; il regolamento 2790/99 riguardante l’applicazione dell’art. 81, par. 3, del Trattato a categorie di accordi verticali e pratiche di concentrazione.
Sul piano dell’analisi economica del diritto, partendo dal dato irrefutabile del limite concreto all’esercizio della libertà contrattuale (che trae la sua fonte direttamente dal principio di autonomia contrattuale) costituito dall’insolvenza, appare proponibile l’esame del diverso fondamento dei rimedi apprestati contro l’insolvenza nel diritto commerciale e nel diritto privato. L’analisi può, rispettivamente, dipanarsi fra i due poli della perdita della garanzia patrimoniale posta dall’art. 2740 cod. civ., con conseguente perdita del credito sul mercato, e l’insolvenza prevista dall’art. 1186 cod. civ. con conseguente semplice “pericolo” di non conseguire la controprestazione.
Tale ricerca passa anche attraverso un’indagine dei nessi tra insolvenza; autotutela del creditore (da intendersi come le contromisure che il creditore ha diritto di assumere al fine di scongiurare la perdita definitiva del credito, che presenta alcuni parallelismi con l’omologa procedura di autotutela del diritto amministrativo); concessione abusiva del credito e conseguente ritardo della dichiarazione di fallimento, nei rapporti tra stato di insolvenza e autonomia privata.
Più che di disciplina rilevante si dovrebbe allora parlare di discipline rilevanti, dal momento che esse sono sia nella legge fallimentare sia nel codice civile (che tratta a sua volta dell’insolvenza). L’analisi va quindi focalizzata sui rapporti tra insolvenza civile ed insolvenza concorsuale. In assenza di una specifica e separata definizione legale, la nozione civilistica di insolvenza si desume dall’art. 5 della Legge Fallimentare.
Di notevole rilievo si presenta il tema della concessione abusiva del credito per gli indubbi riflessi di carattere giuridico, economico e sociale, che ha indotto la giurisprudenza , in particolar modo, ma anche la dottrina a indagare tale fenomeno in relazione all’autotutela contrattuale, prevista dall’art. 1461 cod. civ., che deve ritenersi applicabile non solo nel caso di insolvenza sopravvenuta, bensì anche nel caso di insolvenza preesistente, ma non conosciuta al momento della stipulazione . Altra recente opinione legge quest’ultima disposizione nel più ampio contesto della vendita internazionale di beni mobili alla luce dell’art. 71 della Convenzione di Vienna, in vigore anche in Italia, che prevede la possibilità del contraente di sospendere l’esecuzione se, dopo la conclusione del contratto, risulti manifesto che l’altro contraente non adempirà una parte essenziale delle sue obbligazioni, in conseguenza di una grave insufficienza nella sua capacità di adempiere o nella sua solvibilità, che corrobora la tesi secondo la quale una condivisibile lettura dall’art. 1461 cod. civ. dovrebbe consentire l’attivazione dell’autotutela anche nell’ipotesi di pericolo asintomatico di insolvenza al momento della conclusione del contratto.
Tale proposta sistemazione dottrinale, non manca di riflettersi sui contratti dell’impresa insolvente, alla quale potrà fare riscontro il diritto del creditore di attivare la cautela di cui all’art. 1461 cod. civ. nei confronti non solo dell’impresa divenuta insolvente, ma anche dell’impresa in crisi e già insolvente al momento della stipulazione del contratto in maniera asintomatica.
Connesso al tema delle libertà contrattuali si presenta anche quello della tutela della parte contrattuale debole nei contratti bancari.
Nel 1991 sono state introdotte le norme sulla trasparenza bancaria, con le quali il legislatore ha sottolineato l’importanza di rendere chiari e comprensibili i rapporti che un utente di media istruzione intrattenga con un istituto di credito: una banca, una finanziaria, ecc..
Si sono avute quindi precise regole inerenti ai contratti bancari, con particolare riguardo alle clausole generali utilizzate dai professionisti nei contratti predisposti e destinati ad essere sottoscritti da un numero indeterminato di utenti, per adesione.
Le clausole generali, intese come strumento elastico di risoluzione dei conflitti mediante l’applicazione dei principi generali dell’Ordinamento giuridico costituiscono un rinvio normativo a criteri di comportamento non previsti da norme giuridiche, affidando al giudice il potere di concretizzarne il contenuto precettivo. Le clausole generali sono state, pertanto, definite “concetti valvola” che consentono di adeguare i precetti di buona fede oggettiva, correttezza, ecc., alla realtà sociale del momento storico in cui deve applicarsi la norma giuridica.
Il riferito assetto di regole rivela la sua fondamentale importanza nel momento in cui consente di evitare una rapida obsolescenza normativa.
Agli effetti della norma generale, in riferimento alla sezione relativa all’accordo (art. 1337 cod. civ.) le parti devono comportarsi secondo buona fede nelle trattative e nella formazione del contratto. In questa stessa norma trova la sua regola generale il diritto di recesso del consumatore.
La caratteristica fondamentale di tale diritto può essere rinvenuta nella particolare intensità con cui il Legislatore ha inteso tutelare il contraente-consumatore e l’esercizio di tale diritto avviene, non a caso, con una dichiarazione unilaterale di volontà comunicata all’altro contraente. L’istituto si contrappone ad un’altra libertà contrattuale, rappresentata dal cosiddetto “jus variandi”, finalizzata a conservare l’equilibrio tra le singole prestazioni contrattuali attraverso la valutazione del complesso delle prestazioni contrattuali. Ai fini dell’effettività di tale equilibrio, il Legislatore, ha corredato l’istituto di una sanzione, a riprova del suo valore di “ordine pubblico”, prevista in caso di violazione di tale equilibrio con la variazione unilaterale delle condizioni contrattuali, costituita dalle nullità di protezione, suscettibili di limitare gli accordi sin dalla fase precontrattuale.
Il diritto di recesso trova applicazione in un variegato numero di fattispecie giuridiche; è previsto dalla legge o viene stabilito convenzionalmente; in contratti ad esecuzione istantanea o di durata; prima o dopo l’inizio dell’esecuzione, e senza la possibilità di chiedere in restituzione le prestazioni già eseguite.
Parte della dottrina ha individuato nell’art. 1373 cod. civ. la soluzione al problema , scorgendo in tale istituto l’aspirazione dell’Ordinamento di conservare la temporaneità dei rapporti giuridici. Altra parte della dottrina, invece, pone in evidenza che le due libertà contrattuali, dello “jus variandi” e del “diritto di recesso”, non siano della stessa intensità, rappresentando un equilibrio di posizioni meramente apparente poiché l’incidenza sostanziale sul piano patrimoniale dei due istituti è diversa. A differenza dello “jus variandi”, il diritto di recesso, in caso di modifica unilaterale, non pone l’altra parte in una situazione nuova, poiché è già previsto dalla legge. Per contro, chi subisce la variazione unilaterale si trova esposto ad un non predeterminato assetto di rischi sul piano contenutistico .
La tutela del consumatore nei contratti bancari si riconnette alla legge sulla trasparenza bancaria, che vede nella norma dell’art. 118 del Testo Unico Bancario il suo raggio di esplicazione.
Il potere di gestione unilaterale del contratto da parte della banca o più in generale del professionista, pone il problema di controbilanciare il diritto di apportare unilateralmente variazioni alle clausole contrattuali. E se, da un lato, tale libertà non ha una fonte giuridica (essa rappresenta infatti una clausola generale), dall’altro, il Legislatore ha inteso predisporre il ricordato meccanismo di tutela del contraente più debole, con la libertà di recedere, che si attiva automaticamente all’introduzione della variazione. Tale automaticità costituisce la specificità dell’istituto in questione.
La qualità di “contraente banca” pone il problema della diseguaglianza. Sennonché, la tutela del consumatore si pone uno scopo molto più ambizioso: quello di evitare che l’attività della banca abbia degli effetti incisivi, se ripetuti all’infinito, sull’”economia” in generale ed abbia conseguenze distorsive della “concorrenza” in particolare. Il vero anelito della norma è quindi quello di salvaguardare gli equilibri della concorrenza . In tal modo, si predispone un meccanismo che sottopone il potere contrattuale prevalente sotto il diretto controllo dell’altro contraente. Tale contropotere di autonomia ha fonte legale a differenza dello “jus variandi” .
Non appare quindi priva di fondamento l’affermazione secondo la quale, il contraente con minore forza contrattuale è da porsi sullo stesso piano del contraente consumatore. E, mentre quest’ultimo è da considerarsi soggetto del mercato finale, la banca è da considerarsi soggetto della filiera intermedia.
Nei contratti del mercato finale non vi è il potere unilaterale della banca visto innanzi, ma possono esservi clausole che determinano uno squilibrio di potere contrattuale e viene meno anche la contromisura del diritto di recesso. Tale criticità viene risolta con un rimedio caducatorio, ovvero la nullità, nel caso di violazione di una delle norme a carattere imperativo. Per quanto, in questo caso, la tutela sia meno automatica, può anche essere dichiarata abusiva la clausola che determini un significativo squilibrio nel rapporto contrattuale.

SGUARDO COMPARATIVO

Il “favor” del Legislatore nei confronti del contraente-cliente, è un modo di legiferare che si pone in rapporto di totale incompatibilità con il codice civile, poiché presuppone una preconcetta idea di discriminazione contrattuale che delinea un modello di autotutela del tutto inedito, concomitante alla necessità di dare un’adeguata disciplina ai rapporti di un particolare comparto, quello bancario.
Alla logica binaria dell’ottocento (di cui è imbevuto il codice civile), secondo la quale, tutto ciò che non è vietato è permesso, si sostituisce la più sofisticata logica del secolo scorso, secondo la quale, l’unico modo per controllare il soggetto predominante è l’analisi complessiva del contratto per adesione, partendo dalla singola clausola.
Alla mancanza del divieto di introdurre clausole suscettibili di determinare un significativo squilibrio, e considerata l’oggettiva difficoltà del contraente più forte di dedicare un contratto personalizzato a ciascun cliente, il Legislatore ha introdotto la logica della “clausola abusiva”, che diviene rilevante nel momento in cui, sommata alle altre, va ad influire sul tenore complessivo dell’atto. Si può, a tal proposito, notare che, mentre il riferito meccanismo della clausola abusiva risponde ad una logica quantitativa, il meccanismo di tutela previsto nella disciplina della trasparenza, di cui al T.U.B. , risponde ad una logica qualitativa, riferita, appunto, alla, non indifferente, qualità dei soggetti del negozio.
Le presenti discipline, consumeristica e bancaria, non possono ritenersi compatibili con la disciplina del codice civile: la logica binaria “divieto-permesso” di quest’ultimo potrà essere implementata dal codice del consumo, ma non sostituita. Ancorché vi sia stata la doppia sottoscrizione delle clausole abusive, difatti, queste potranno essere comunque dichiarate abusive. Il professionista può sempre dimostrare l’equilibrio complessivo del contratto, non essendoci un divieto di introdurre clausole, ma, per contro, tutte le norme dispositive sono utilizzabili dal consumatore.
L’articolo 36 del Codice del consumo, invece, vieta un elenco di clausole abusive che non possono essere mai inserite. Le regole del Codice del consumo sono in parte diverse da quelle del’art. 118 del T.U.B. . Da un lato, si hanno regole per tutti i contratti bancari (che comprendono anche quelli con soggetti non consumatori), dall’altro, regole per tutti i consumatori (che comprendono anche i contratti non bancari).
I due Testi Unici recano discipline in rapporto di specialità e, al contempo, di generalità reciproche. Di talché, esistono norme di rango speciale e generale in entrambe le fonti con la loro diversa influenza nell’ambito dell’interpretazione. Le diverse tutele realizzano la massimizzazione sommandosi. Al preesistente T.U.B. si aggiunge il codice dei consumatori, i quali, in realtà, non entrano in conflitto, poiché le loro discipline si integrano.
Si viene, così, a realizzare un controllo della libertà contrattuale, non attraverso il potere imperativo, bensì contenendo il potere dispositivo del professionista.
Da ultimo è possibile segnalare gli ultimi interventi del legislatore in materia di prestiti al consumatore per l'acquisto di immobili residenziali, da consederare normativa iperprotettiva del consumatore, che pone il "riflettore" sulla fase delle trattative con le relative conseguenze in termini di responsabilità pre-contrattuale (D. lgs. 21 aprile 2016, n. 72). Oltre al D.L. 03 maggio 2016, convertito con modificazioni dalla legge 30 giugno 2016, n. 119, riguardante la costituzione di un pegno non possessorio da parte di imprenditori iscritti nel registro delle imprese sui beni mobili utili all'esercizio dell'impresa purché non registrati, a garanzia del proprio credito. Viene così ulteriormente ampliata la libertà di autonomia contrattuale delle imprese, sebbene un simile contratto è previsto con la forma "ad substantiam", pena la nullità.

Avv. Ruggiero CALO'
06 agosto 2016.

Postato da Ruggiero CALO' 

 
 

Modifica unilaterale condizioni bancarie : è legale ?

Un argomento discusso nei rapporti Banca - Imprese è la modifica unilaterale delle condizioni di contratto. La modifica viene effettuata unilateralmente dall'Istituto e comunicata a mezzo posta ordinaria, senza alcuna pattuizione con il Cliente.

E' legale tutto ciò ? I giuristi sulla questione (definita “ius variandi”) sono piuttosto combattuti. E’ bene ricordare che in virtù di quanto stabilito dall’art. 1372 , un contratto ha forza di legge e non può essere sciolto se non in base al mutuo consenso. Il principio vale sia per l’intero accordo che per “parti di contenuto” che riguardano l’accordo. Dunque in linea di massima non è possibile modificare in maniera unilaterale un contratto. Unica eccezione è l’inadempimento, accadimento che da diritto al “danneggiato” a risolvere il contratto.

Perché dunque le banche modificano in maniera unilaterale accordi specifici ? Il D. Lgs. 141/2010 va ad operare un distinguo tra contratti a tempo indeterminato e contratti a tempo determinato. Per i primi lo ius variandi può riguardare una serie di variabili tra cui prezzi e tassi. Per tutti gli altri può essere sempre applicata se via sia giustificato motivo. A tutela del consumatore si può affermare senza ombra di dubbio alcuno, che la modifica delle clausole non può configurare in se un “nuovo contratto”.

La normativa appare dunque assai precaria ed attribuisce un potere concreto alla banca, che in caso di giusta motivazione, può stravolgere qualsivoglia condizione contrattuale. Ora giuridicamente non è chiarito se tali motivazioni siano da collegarsi a fatti interni (modifica del rating di un cliente o linea direttiva dell’Istituto) o a valutazioni di mercato. Grande discrezionalità è lasciata dunque al giudice che in caso di contenzioso può valutare in maniera soggettiva il fatto ed effettuare delle valutazioni.

Controversa, a parere di chi scrive, l’ipotesi di rifarsi all’Arbitro Bancario, trattandosi di una realtà di grande spessore tecnico ma ad ogni modo connessa al settore bancario e dunque in grado di lasciare potenziali dubbi in tema di imparzialità sulle interpretazioni. I recenti contenziosi tra banca ed imprese, fa emergere quotidianamente l’esigenza di una riforma pro consumatore, del testo unico bancario e delle normative che regolano i rapporti tra due soggetti che non hanno quasi mai il medesimo potere negoziale. Lasciare al giudice ed alle sentenze il regolamento automatico di una serie di relazioni così delicate, può significare generare una serie di variabili interpretazioni normative o peggio ancor un iter omologato di valutazioni (che si basano sempre sul caso precedente ) che non tutelano oggi in maniera sufficiente il consumatore, in barba alla trasparenza bancaria ed a qualsivoglia attenzione verso il risparmio.

Postato da Leonardo Lasala 

 
 

Alla ricerca di finanziamenti?

Alla ricerca di finanziamenti:
- Lanciare un progetto?
- Inizia il tuo business?
- Acquistare un appartamento?
- Acquisto di un auto?
- Consolidare i vostri debiti?
- O qualsiasi altro motivo?

Sono una persona che vi offre prestiti che vanno da 10.000 a € 800.000 e questo in modo semplice, attraente, con un tasso di interesse annuo del 2%.

Per ulteriori informazioni, si prega di contattarci al seguente indirizzo unico: simeonlopeztobar@gmail.com

Postato da Sylvain MOREAU 

 
 

Un partner affidabile

Gruppo privato di prestito propone una gamma completa di prestiti personali, adatti ad ogni esigenza di spesa o liquidità. La specifica competenza nell'ambito della valutazione del merito di credito consente di formulare offerte di tasso correlate al livello di rischio del richiedente il prestito personale. Contattate per ulteriori informazioni.vallefuocof@gmail.com

Postato da Francesco Vallefuoco 

 
 

Un partner affidabile

Gruppo privato di prestito propone una gamma completa di prestiti personali, adatti ad ogni esigenza di spesa o liquidità. La specifica competenza nell'ambito della valutazione del merito di credito consente di formulare offerte di tasso correlate al livello di rischio del richiedente il prestito personale. Contattate per ulteriori informazioni.vallefuocof@gmail.com

Postato da Francesco Vallefuoco 

 
 

Un partner affidabile

Gruppo privato di prestito propone una gamma completa di prestiti personali, adatti ad ogni esigenza di spesa o liquidità. La specifica competenza nell'ambito della valutazione del merito di credito consente di formulare offerte di tasso correlate al livello di rischio del richiedente il prestito personale. Contattate per ulteriori informazioni.vallefuocof@gmail.com

Postato da Francesco Vallefuoco 

 
 

Un partner affidabile

Stai cercando soci nella tua zona per aprire un’attività? Cerchi un socio finanziatore per portare avanti un nuovo progetto imprenditoriale? Vuoi espandere il tuo business all’estero e stai cercando un partner affidabile con cui entrare in affari? Sei arrivato nel posto giusto! grazie a un team di operatori specializzati che cura l’istruttoria delle proposte di finanziamento dalla delibera fino all'erogazione. Contattate per ulteriori informazioni.
Mail: vallefuocof@gmail.com

Postato da Francesco Vallefuoco 

 
 

Disponibile per investimenti, Mutui e Finanziamenti, prestiti

Gli imprenditori,studenti,commerciante e altro, Avete un progetto , si dovrà accettare che si sposta andare alla incontrare di un investitore di ottenere un investimento, prestito o finanziamenti per i vostri progetti. Questo è vero, ti assicuro che io sono in grado di soddisfare voi. Sono disponibile a investire finanziariamente e materialmente nella realizzazione dei loro progetti.La capacità di finanziamento è ad altezza di 800.500.000 milioni di euro con un tasso di 3% l'anno e rimborsabile su una durata di 1 anno a 40 anni.dovete contattare direttamente E-mail: investimentooooooo@gmail.com

Postato da Francesco Vallefuoco 

 
 

Fornitura di credito tra gli individui molto affidabili


Io sono un finanziario privato. Faccio crediti tra particolare a persone in difficoltà finanziarie e in grado di rimborsare l'importo del prestito. le mie condizioni di prestito sono semplici e ben definite. da 1000 è stato € 1.000.000.000 € con un tasso di interesse del 2% in termini molto semplici. Per qualsiasi prestito tra particolare e-mail me a moreau_sylvain@outlook.fr
Spargi la voce per aiutare chi è nel bisogno.
Sylvain MOREAU

Postato da Sylvain MOREAU 

 
 

Offerta veloce e molto affidabile prestito

Offerta veloce e molto affidabile prestito

Io sono un finanziario privato. Faccio crediti tra particolare a persone in difficoltà finanziarie e in grado di rimborsare l'importo del prestito. le mie condizioni di prestito sono semplici e ben definite. da 1000 è stato € 1.000.000.000 € con un tasso di interesse del 2% in termini molto semplici. Per qualsiasi prestito tra particolare e-mail me a moreau_sylvain@outlook.fr
Spargi la voce per aiutare chi è nel bisogno.
Sulvain MOREAU

Postato da Sylvain MOREAU 

 
 

Offerta veloce e molto affidabile prestito

Offerta veloce e molto affidabile prestito

Io sono un finanziario privato. Faccio crediti tra particolare a persone in difficoltà finanziarie e in grado di rimborsare l'importo del prestito. le mie condizioni di prestito sono semplici e ben definite. da 1000 è stato € 1.000.000.000 € con un tasso di interesse del 2% in termini molto semplici. Per qualsiasi prestito tra particolare e-mail me a moreau_sylvain@outlook.fr
Spargi la voce per aiutare chi è nel bisogno.
Sulvain MOREAU

Postato da Sylvain MOREAU 

 
 

Avete bisogno di un finanziamento?

Dispongo di un capitale che mi serve a fare prestiti tra privati che vanno da 5.000 a 1.000.000€ ad ogni persona che può rimborsare entro il termine convenuto. Il tasso d'interesse è pari al 2%. Per ulteriori informazioni, volete contattarlo all'indirizzo seguente:
paulinfagueret@outlook.com

Postato da Paulin Fagueret 

 
 

OFFRO PRESTITI TRA PRIVATI




Offerta di prestito tra privato (2%). Per ulteriori informazioni, volete contattarlo all'indirizzo seguente:
paulinfagueret@outlook.com

Postato da Paulin Fagueret 

 
 

Crisi mercato dei mutui: quelli emessi sono anatocistici

Esiste un problema mutui in Italia. Il numero delle compravendite di beni immobili è sceso dalle 850.000 unità del 2006 alle 480.000 del 2012 anche a causa della difficoltà ad ottenere mutui dagli Istituti.
Eppure i finanziamenti italiani sono tra i più cari in Europa. Siamo dunque di fronte ad una anomalia in considerazione del calo dello spread. C’è da chiedersi infatti la ragione per cui un mutuo in Germania abbia un costo pari al 2,90 per cento (in termini di tasso), in Spagna il 3,00% ed in Italia almeno il 4,00%. Se il tutto fosse relativo a mera speculazione, in qualche caso particolare forse il “gioco varrebbe la candela”. Ma le anomalie non finiscono qui e meritano un approfondimento.
E’ bene ricordare come il mutuo sia un’operazione di finanziamento che prevede un piano di ammortamento rateale. Le quote sono costituite in parte da capitale e in parte da interessi secondo una composizione che varia a seconda della forma di ammortamento prescelta. Perché allora in caso di muti con piano di ammortamento alla francese, l’interesse è calcolato con l’interesse composto e non con quello semplice? Perché calcolare l’interesse su capitale più oneri e non sulla mera quota capitale ?
Il d.lgs. n. 342/99, ha modificato l’art. 120 del T.U.B. e ha demandato al Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio (C.I.C.R) le modalità e i criteri per la produzione di interessi su interessi sulle operazioni bancarie. A sua volta la delibera CICR del 9 febbraio all’art.3 prevede «nelle operazioni di finanziamento per le quali è previsto che il rimborso del prestito avvenga mediante il pagamento di rate con scadenze temporali predefinite, in caso di inadempimento del debitore l’importo complessivamente dovuto alla scadenza di ciascuna rata può, se contrattualmente stabilito, produrre interessi a decorrere dalla data di scadenza e sino al momento del pagamento. Su questi interessi non è consentita la capitalizzazione periodica».
A partire dall’1 luglio 2000 dunque le rate dei mutui bancari composte sia da interessi che da capitale scadute e impagate possono produrre interessi a condizione che ciò sia espressamente pattuito nel contratto con clausola specificamente approvata per iscritto.
Caso diverso è invece quello del mutuo fondiario. Fonti giurisprudenziali hanno sostenuto fortemente che in base a quanto sancito dall’art.38 del r.d. n.646 del 1905 riprodotto dal d.p.r n.7 del 1976 e dalla legge n.175 del 1991 l’anatocismo in questo specifico caso fosse legittimo, visto che gli interessi corrisposti dai mutuatari non costituiscono il corrispettivo del godimento di un capitale della banca ma il mezzo per permettere alla banca stessa di far fronte al pagamento dell’uguale importo di interessi passivi dovuti ai portatori di cartelle fondiarie.
Esiste un’unica sentenza del Tribunale di Rutigliano che è tuttavia discussa a causa di alcune forzature compiute dal CTU in fase di valutazione tecnica.
Va effettuato inoltre un ulteriore chiarimento. Può accadere che un Istituto Bancario faccia sottoscrivere all’imprenditore un mutuo ipotecario, al fine di garantirsi sull’esposizione. Le operazioni in questo caso sono per lo più fittizie. Il Tribunale di Latina (sezione di Terracina) con la sentenza 409 del 2009 ha dichiarato nulli i contratti di mutuo fondiario erogati per ripianare esposizioni debitorie, di fatto risultate inesistenti.
I mutui sono dunque un vero e proprio boomerang per i sottoscrittori. La loro erogazione (ancor di più oggi in un periodo finanziariamente complicato) è sottoposta ad una serie di clausole ed oneri che sempre più spesso sfociano nell’irregolarità. La logica è quella di sempre: effettuare un controllo e far valere nel caso i propri interessi.

Postato da Leonardo Lasala 

 
 

Usura bancaria: la norma esiste ma c'è tanta confusione

In un recente contenzioso che ha visto protagonisti un Cliente ed un Istituto Bancario, con il primo pronto ad attaccare la Banca per il grave reato di usura bancaria, il Tribunale di Verona ha stabilito come non si debba tenere conto della commissione di massimo scoperto ai fini del calcolo del tasso-soglia per l’usura , contraddicendo dunque sia quanto previsto dalla legge 108/96 “Disposizioni in termini di usura” , sia una nota sentenza della Cassazione che nel 2010 ha affermato esattamente il contrario.
E’ bene ricordare che proprio l’art. 1 della Legge 108/96 riforma l’art. 644 (comma 5) del codice penale che per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate alla erogazione del credito. La norma è dunque chiara. Come non comprendere nelle spese anche la famosa commissione di massimo scoperto? Forse perché il considerare la commissione di massimo scoperto fa si che si superino i tassi soglia , con possibilità per il Cliente di richiedere alla Banca la restituzione di quanto indebitamente trattenuto.

Attenzione: la definizione dei tassi soglia arriva proprio dal Governo. Il Ministro del Tesoro, sentita la Banca d’Italia, rileva trimestralmente il tasso effettivo globale medio (TEGM) comprensivo di commissioni, di remunerazioni a qualsiasi titolo e di spese, escluse quelle per imposte e tasse, riferito ad anno, degli interessi praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari nel corso del trimestre precedente per operazioni della stessa natura.
In tutta questa disciplina molto chiara, succede però una cosa abbastanza bizzarra. Banca d’Italia a soli fini statistici impartisce delle istruzioni (cosa dunque molto differente dalla legge e men che mai fonte del diritto) dove nel computo delle spese esclude diverse voci. Ciò tuttavia soltanto per differenziare “valori” di natura differente. Questa bizzarria continua: alcuni CTU e di conseguenza in alcune sentenze il punto di riferimento diviene Banca d’Italia (statistica) e non la legge 108/96 (fonte del diritto), con un’evidente incalcolabile danno sia all’impresa che agisce secondo norma per il recupero di quanto trattenuto ingiustamente dall’Istituto , sia per tutte le imprese che potranno ricorrere al Tribunale e che si troveranno vittima di serie giuridiche in grado di pregiudicare il proprio diritto.

Che fiducia possono avere le imprese nelle Istituzioni se la stessa legge non riconosce una fonte del Diritto? Il danno è di proporzioni non calcolabili e pari soltanto a quel senso di profondo sconforto che porta spesso imprenditori ad attaccare i Consulenti Tecnici di Ufficio , rei di non aver seguito un corretto metodo di valutazione, che sia conforme alla legge. Banca d’Italia non è un organo legislativo e non può sostituire la legge.
Cosa dunque può auspicare un cittadino? Sicuramente un intervento legislativo chiaro e palese, che non faccia differenze tra banche e cittadini, ma che veda tutti uguali davanti alla legge ed in seconda istanza Tribunali attenti al rispetto della norma, che è bene ricordarlo esiste ed è nella maggioranza dei casi utilizzata e fatta valere a tutela della certezza del Diritto.

Postato da Leonardo Lasala 

 
 

Usura civile ed usura penale: due strade per la tutela dell'imprenditore nei confronti degli Istituti Bancari

Il confronto tra Impresa e Banche è aperto. Analisi sempre più accurate evidenziano sovente il superamento sistematico dei tassi soglia soprattutto in occasione di affidamenti bancari a cui sono collegati conti anticipi , sconti fatture ed una pluralità di prodotti che a loro volta producono spese e commissioni.

Per il consumatore esistono diverse possibilità di “difesa” e ripristino di equità di rapporto con l'Istituto. Una prima strada è prettamente civile, consentendo al consumatore di richiedere alla Banca tutti gli interessi addebitati in costanza di usura. Una seconda strada, non ostativa rispetto alla prima è di tipo penale. In questo caso si agirà nei confronti della Banca per la tutela di quanto indebitamente trattenuto dall'Istituto.

Le diverse strade sono disciplinate dalla normativa: la legge 108/96 ”Disposizioni in tema di usura” prevede infatti strumenti che inducono a valutare i profili penali e civili dell'usura. L'articolo 2 della legge in questione al comma 4, prevede che “il limite previsto dal comma 3 dell’art. 644 del codice penale, oltre il quale gli interessi sono sempre usurari, è stabilito nel tasso medio risultante dall’ultima rilevazione pubblicata nella Gazzetta Ufficiale ai sensi del comma 1, relativamente alla categoria di operazioni in cui il credito è compreso, aumentato della metà”. Dunque affinchè si configuri un reato penale da parte dell'Istituto occorre che vi sia un superamento del 50% rispetto al tasso medio. Se il superamento è invece inferiore, si configura il solo reato civile. Questa differenza dunque mira probabilmente a differenziare un profilo di dolo dalla colpa grave.


Che vi sia colpa o dolo, il fenomeno dell'usura bancaria è una vera e propria emergenza sociale. Le attenzioni che sono state concentrate recentemente su prodotti come derivati e swap , dovrebbero riguardare i prodotti con cui ogni impresa quotidianamente si deve confrontare come i conti correnti affidati.

Un freno allo straripante strapotere del sistema bancario va sicuramente posto. Ogni cittadino ed imprenditore deve auspicare maggiore attenzione da parte dei Tribunali, che nonostante una crescente sensibilità verso un fenomeno molto grave ed estremamente diffuso, sono ancora troppo spesso impreparati verso una tutela “tecnica del consumatore. Unico strumento affinchè la legge faccia il suo corso è la denuncia. Riuscirà l'imprenditore ad uscire da questa “gabbia” finanziaria totalmente illegale ?


Postato da Leonardo Lasala 

 
 

Usura bancaria: la legge 108/96 tutela i Clienti ma....

Ad un qualsiasi esame di Diritto, di scuola media inferiore, superiore o addirittura universitario, tra le fonti del Diritto anche uno studente non troppo preparato riesce a proferire il termine …legge. Eppure in Italia per ciò che concerne la materia bancaria, la norma che c’è ed è ben chiara e palese, ed in quanto tale è fonte del diritto, viene in alcuni Fori ignorata, a danno di cittadini che confidano nel valore di una legge di Stato.
Assistiamo dunque ad una vera e propria sconfitta della “certezza” del Diritto, che viene interpretato ben oltre la norma, prendendo in considerazione fonti che non sono normative e che rischiano di danneggiare migliaia di piccole imprese oggi in lotta con gli Istituti Bancari per il riconoscimento del proprio diritto.

Veniamo ad un caso concreto. In un recente contenzioso che ha visto protagonisti un Cliente ed un Istituto Bancario, con il primo pronto ad attaccare la Banca per il grave reato di usura bancaria, il Tribunale di Verona ha stabilito come non si debba tenere conto della commissione di massimo scoperto ai fini del calcolo del tasso-soglia per l’usura , contraddicendo dunque sia quanto previsto dalla legge 108/96 “Disposizioni in termini di usura” , sia una nota sentenza della Cassazione che nel 2010 ha affermato esattamente il contrario.
E’ bene ricordare che proprio l’art. 1 della Legge 108/96 riforma l’art. 644 (comma 5) del codice penale che per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate alla erogazione del credito. La norma è dunque chiara. Come non comprendere nelle spese anche la famosa commissione di massimo scoperto? Forse perché il considerare la commissione di massimo scoperto fa si che si superino i tassi soglia , con possibilità per il Cliente di richiedere alla Banca la restituzione di quanto indebitamente trattenuto.

Attenzione: la definizione dei tassi soglia arriva proprio dal Governo. Il Ministro del Tesoro, sentita la Banca d’Italia, rileva trimestralmente il tasso effettivo globale medio (TEGM) comprensivo di commissioni, di remunerazioni a qualsiasi titolo e di spese, escluse quelle per imposte e tasse, riferito ad anno, degli interessi praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari nel corso del trimestre precedente per operazioni della stessa natura.
In tutta questa disciplina molto chiara, succede però una cosa abbastanza bizzarra. Banca d’Italia a soli fini statistici impartisce delle istruzioni (cosa dunque molto differente dalla legge e men che mai fonte del diritto) dove nel computo delle spese esclude diverse voci. Ciò tuttavia soltanto per differenziare “valori” di natura differente. Questa bizzarria continua: alcuni CTU e di conseguenza in alcune sentenze il punto di riferimento diviene Banca d’Italia (statistica) e non la legge 108/96 (fonte del diritto), con un’evidente incalcolabile danno sia all’impresa che agisce secondo norma per il recupero di quanto trattenuto ingiustamente dall’Istituto , sia per tutte le imprese che potranno ricorrere al Tribunale e che si troveranno vittima di serie giuridiche in grado di pregiudicare il proprio diritto.

Che fiducia possono avere le imprese nelle Istituzioni se la stessa legge non riconosce una fonte del Diritto? Il danno è di proporzioni non calcolabili e pari soltanto a quel senso di profondo sconforto che porta spesso imprenditori ad attaccare i Consulenti Tecnici di Ufficio , rei di non aver seguito un corretto metodo di valutazione, che sia conforme alla legge. Banca d’Italia non è un organo legislativo e non può sostituire la legge.
Cosa dunque può auspicare un cittadino? Sicuramente un intervento legislativo chiaro e palese, che non faccia differenze tra banche e cittadini, ma che veda tutti uguali davanti alla legge ed in seconda istanza Tribunali attenti al rispetto della norma, che è bene ricordarlo esiste ed è nella maggioranza dei casi utilizzata e fatta valere a tutela della certezza del Diritto.

Postato da Leonardo Lasala 

 
 

Conti correnti e mutui: imprenditori controllate i vostri conti

Il controllo degli oneri sul conto corrente bancario è fallace anche nelle aziende più grandi, quelle che vantano revisioni periodiche e bilanci certificati.
Pochissimi hanno preso in mano la calcolatrice cercando di capire quale è il tasso effettivo globale che viene pagato e quale sia il differenziale con quello promesso in contratto e quello massimo stabilito per legge.

Proliferano in questi periodi diversi imbonitori che approfittano doppiamente della situazione di palesi anomalie di massa sui contratti bancari e promettono a priori recuperi fantascientifici. E’ tipico di ogni fenomeno in esplosione il profilerare di “apprendisti stregoni” in grado di riportare in equilibrio finanziario l’impresa. Si aggiunge dunque il danno alla beffa: c’è ancor meno chiarezza e ancor meno attenzione verso ciò che resta la base per qualsivoglia valutazione ossia il contratto che ogni cliente stipula con la banca. Va verificato ogni contratto nella sua individualità, vanno verificate le condizioni poste alle imprese e studiate le possibilità di recupero . Nulla va mai dato per scontato in assenza di una precisa analisi di ogni singolo conto.

E’ il conto corrente affidato, ed in misura diversa il mutuo, il vero “prodotto” a cui gli italiani (ed in particolare gli imprenditori) devono prestare attenzione. Oggi si parla di swap e derivati, ma se calcoliamo la diffusione di questi prodotti rispetto ai tradizionali contratti di conto corrente o prestito oneroso, rischiamo di perdere di vista il vero problema.

Quanti conti correnti ha ogni impresa? Quanto anatocismo, usura, distanza da quanto previsto contrattualmente per l’applicazione degli oneri, pattuizioni non avvenute, etc…etc… sono contestabili ? Quante imprese possono verificare con attenzione i propri contratti e recuperare un potenziale (mai dimenticare la prudenza in tal caso) tesoretto nascosto nel proprio conto da anni ed anni ? Quanti mutui possono essere attaccati in quanto nulli?

Proviamo a dare qualche numero (che va considerato come tale e dunque verificato). Su tutti i conti ante 2000 esiste anatocismo (e dunque calcolo interessi su interessi). Diversi contratti soprattutto negli anni ante 2000 prevedevano pattuizioni verbali, che non hanno valenza di legge. Quanti Direttori di Banca hanno abusato del proprio ruolo modificando (ovviamente al rialzo) le condizioni di affidamento delle imprese, sino ad arrivare al limite dell’incauto credito ? Se si chiedesse copia contrattuale di quanto pattuito , come potrebbe la banca giustificare queste variazioni che oggi spesso hanno messo in crisi le aziende?

Il consiglio dunque che chi scrive, specializzato da anni nell’analisi di conti correnti bancari, può fornire alle imprese è verificare ogni singolo conto , prima che lo stesso (se chiuso) possa andare in prescrizione. L’usura bancaria è un fenomeno che ha grande impatto sul sociale. Non si vuole con questo intendere che ogni contratto bancario è illegittimo e che ogni Istituto abbia lavorato male. Esiste tuttavia una prassi generalizzata, contraddistinta da una serie di oneri ricorrenti, che porta anche Istituti storici a sfociare nell’illegittimità .

Postato da Leonardo Lasala 

 
 

Recuperare i capitali indebitamente sottratti dalle banche ? Ecco cosa dice la stampa

Ecco una piccola parte della rassegna nazionale che dimostra come sia possibile recuperare soldi dalle banche ree di anomalie nei rapporti bancari.

Anatocismo bancario: i casi Celplast e Bortoletto a Vigonza - Banca chiede a imprenditore 29mila euro ma è lui ad avanzarne 540mila

http://www.padovaoggi.it/economia/anatocismo-bancario-vigonza-celplast-bortoletto.html />

Tre banche aretine accusate di usura aggravata, pronti i rinvii a giudizio

http://www.arezzonotizie.it/home/cronaca/item/91319-tre-banche-aretine-accusate-di-usura-aggravata-pronti-i-rinvii-a-giudizio />

Anatocismo e interessi usurai: duemila aziende in lotta con le banche in Veneto

http://www.padova24ore.it/economia/6531-anatocismo-e-interessi-usurai-duemila-aziende-in-lota-con-le-banche-in-veneto.html />

La via d'uscita per le imprese che si svenano con i derivati

http://www.wallstreetitalia.com/article/1481145/la-via-di-uscita-per-le-imprese-che-si-svenano-con-i-derivati.aspx />

Interessi troppo alti, banca condannata a pagare 45 mila euro

http://messaggeroveneto.gelocal.it/cronaca/2013/01/12/news/interessi-troppo-alti-banca-condannata-a-pagare-45-mila-euro-1.6337294 />

Chi scrive ritiene che questa sia la prova lampante di due aspetti molto importanti:

1) i rapporti Banca - Impresa vedono diverse tipologie di anomalie che causano trattenute superiori a quelle previste per legge o da contratto;

2) esiste la possibilità per le imprese di recuperare l'eventuale maltolto in sede stragiudiziale o giudiziale.

Recupero del maltolto: se non ora....quando ?

Postato da Leonardo Lasala 

 
 

Anatocismo: per i conti ante 2000 possibile il recupero

Signori imprenditori: è possibile recuperare tutti gli interessi anatocistici che sono presenti sui vostri conti. Partiamo come sempre da un assunto per sviluppare la discussione.

Per anatocismo, s'intende la prassi bancaria che vede applicati sul saldo debitore, generalmente a cadenza trimestrale, gli interessi calcolati non soltanto sulla sorta capitale, ma anche sul surplus sin ad ora maturato. Gli interessi così "capitalizzati" nel trimestre precedente producono, allo scadere del trimestre successivo, a loro volta ulteriori interessi che vanno a capitalizzarsi sul saldo finale, e così via.

L'anatocismo è presente generalmente in tutti i contratti bancari di conto corrente e nei mutui (consideriamo che il famoso ammortamento alla francese ha insito il se il concetto di anatocismo).

La legge prevede l'illegittimità del fenomeno e la possibilità per l'imprenditore di recuperare quanto erroneamente trattenuto dalla banca. Un distinguo va fatto ponendo come anno di riferimento il 2000.

Per i contratti bancari stipulati dell'anno 2000 è da considerarsi nulla qualsivoglia clausola di capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi. Da qui il diritto per il cliente di recuperare gli interessi versati in eccesso.
Per i contratti bancari successivi all'anno 2000, occorre valutare se il Cliente ha firmato apposita pattuizione. E'onere della Banca dimostrare le firma e dunque i documenti. In caso di mancata dimostrazione della prova da parte dell'Istituto è possibile recuperare gli interessi versati in eccesso anche oltre il 2000.

Dunque ipotizzando un affidamento nato nel 1990 ed in atto ancora oggi, possiamo sicuramente recuperare gli interessi anatocistici di 10 anni (1990-2000) e andare a valutare il recupero dal 2000 ad oggi.

Un'opportunità importante per ogni imprenditore che nel proprio conto corrente e nei mutui ha un vero e proprio tesoretto che potrebbe essere utilizzato per riequilibrare la liquidità della propria azienda.

Attenzione: non è possibile effettuare alcuna valutazione concreta di opportunità di recupero, senza un'analisi precisa della documentazione. Non esistono regole generali, ma esclusivamente valutazioni one to one per ogni conto corrente ed ogni impresa (considerando anche il rapporto con l'Istituto) che rendono il tutto estremamente soggettivo pur nell'oggettività della norma.

Postato da Leonardo Lasala 

 
 


Pag 1 di 2
Successivi

Statistiche

Questo gruppo è stato visto 12433 volte.

Prodotti e servizi

Apple iPad 2 (Wi-Fi + 3G - 16GB)

Informatica e tlc
Digital Srl

ITALIAN WINE SELECTION

Alimentare
lorenzo di matteo

PASTAG - La Somministrazione dei Pasti nelle Strutture Sanitarie

Salute e Benessere
Administration's Center sas

Eventi

B2b Italia for World Business Exhibition

IDI - Istituto Diplomatico Internazionale
aziende

PERSUASION ENGINEERING e VENDITE

Maurizio Caimi
professionisti

H2biz © Copyright 2008 - 2017 H2biz S.r.l.
P.Iva/C.F. 06149921212 | Via Kerbaker, 91 - 80129 Napoli
e-mail: info@h2biz.eu - G.S. - credits

Siti del Network vai