h2biz


_home _focus _Giuseppe Lavazza

Giuseppe Lavazza

Il caffè come stile di vita

Il suo obiettivo è quello di trasformare l’azienda di famiglia in un gruppo sempre più globale.

L’azienda in questione è la Lavazza, lui, invece, è Giuseppe Lavazza, vice presidente del gruppo e rappresentante della quarta generazione dell’omonima industria italiana del caffè.


Lo scorso anno il fatturato della Lavazza ha superato la soglia del miliardo di euro, grazie alla nuova politica di mercato attuata da Giuseppe Lavazza, ed ha raggiunto un’estensione territoriale notevole: 90 paesi e più di 4.000 dipendenti.

Giuseppe Lavazza nasce a Torino il 4 giugno 1965. Dopo il conseguimento della maturità classica nel 1984, si laurea alla facoltà di Economia e Commercio dell’Università di Torino con una tesi sui Complementi di matematica per economisti.

Nel 1991 inizia la sua carriera professionale a Londra, lavorando nel settore commodities della Philip Brothers.

Torna in Italia per far parte dell’azienda di famiglia, dove il padre Emilio Lavazza ricopre la carica di Presidente ed il cugino Alberto Lavazza quella di vicepresidente.

Inizialmente si inserisce nell'area finanziaria del gruppo gestendo la tesoreria della società controllata Coinca, ma, nel luglio dello stesso anno, è nominato Consigliere d’Amministrazione del Capogruppo Lavazza, una carica che tuttora ricopre.

Dopo diversi ruoli di responsabilità, nel luglio 2005, è nominato Direttore Marketing Strategico. Una nomina conquistata a tutti gli effetti.

Oggi Lavazza è una tra le più  rilevanti realtà produttive di caffè al mondo e leader in Italia con una quota di mercato retail del 47,6 per cento.

Nonostante tutto, il Direttore Marketing non si ferma di fronte a queste seppur positive quote.

Il suo obiettivo è ambizioso: portare entro i prossimi cinque anni la quota di fatturato estera del gruppo dal 40 al 70 per cento.

A dimostrazione di quanto appena riportato, quest’anno il gruppo Luigi Lavazza SpA ha rilevato per 6 milioni di euro la più importante catena di coffee shop della Bulgaria e sono in trattativa ancora due operazioni all’estero, che forse verranno chiuse in questo stesso 2010.

Ma Lavazza non è solo caffè. L’azienda torinese che, dal 1895, si occupa esclusivamente di migliorare il suo aroma, sta vivendo una crescita importante in diversi settori del fuori casa, grazie alla realizzazione della macchina per caffè espresso “A modo mio”, un concentrato di tecnologia per preparare un espresso a regola d’arte, rispettando la regola delle 4 M: miscela, macinatura, macchina e manualità.

Nel 1979 è stato inaugurato il Training Centre Lavazza, un centro studi ricerche sul caffè, che ancora oggi risulta la migliore scuola a livello mondiale per la diffusione della cultura dell’espresso.

Il caffè è uno stile di vita – afferma Giuseppe Lavazza – è un momento di socializzazione tra le persone. Potremmo dire che la pausa caffè sia stata il primo vero social network della storia”.

Ma Lavazza deve il suo successo anche agli spot, che risalgono ai primi anni cinquanta, l’epoca del Carosello con il claim “Lavazza Paradiso in tazza”.

Non è un caso che ancora oggi il tema dominante della pubblicità Lavazza è proprio il Paradiso, una saga cominciata inizialmente con l’attore-comico Solenghi per continuare fino ad oggi con la coppia Bonolis-Laurenti, che sta riscuotendo un grandissimo successo.

Giuseppe Lavazza può ritenersi soddisfatto, svolge un lavoro che per lui è solo un piacere. E come recita lo storico spot: Se non è buono, che piacere è!

Per informazioni su H2biz, clicca qui

Foto


I Focus di H2biz

H2biz © Copyright 2008 - 2017 H2biz S.r.l.
P.Iva/C.F. 06149921212 | Via Kerbaker, 91 - 80129 Napoli
e-mail: info@h2biz.eu - G.S. - credits

Siti del Network vai