h2biz


_home _focus _Alberto Bombassei

Alberto Bombassei

Dalla Brembo a Confindustria

Sono stati tanti i suoi incarichi che lo hanno visto protagonista dell’imprenditoria italiana e che gli hanno permesso, oggi, di affermarsi come uno dei concorrenti per la successione della Marcegaglia in Confindustria.

Parliamo di Alberto Bombassei, Presidente e AD della Brembo SpA, azienda leader nella progettazione e produzione di sistemi frenanti per auto e moto ad alte prestazioni.

A differenza dell’azienda che rappresenta, Bombassei non ha alcuna intenzione di mettere a freno la sua verve e punta dritto alla postazione vertice di Confindustria, fronteggiandosi con un altro osso duro dell’imprenditoria made in Italy: Giorgio Squinzi, magnate italiano degli adesivi per pavimenti e rivestimenti con la sua azienda Mapei, di cui ricopre la carica di presidente.

Ma chi è Alberto Bombassei?

Conosciamolo. Non per far retorica, ma sono da riconoscergli, innanzitutto, le sue capacità imprenditoriali messe a fuoco nella sua azienda Brembo Spa, tanto che, grazie a lui, la stessa ha raggiunto un livello globale davvero impressionante e senza limiti.

L’azienda nasce nel 1962 come piccola officina sotto il controllo di Breda e di Emilio Bombassei, padre di Alberto; da qui il nome Brembo, acronimo di Breda Emilio Bombassei.

Solo dopo una decina d’anni diventa società per azioni, soprattutto grazie alla produzione dei primi dischi freno diretti al mercato del ricambio. Prima di allora, i dischi erano importati dalla Gran Bretagna.

Successivamente, la Brembo si specializza anche nella produzione degli altri componenti del sistema frenante, raggiungendo qualità altamente meccaniche da essere riconosciute in campo internazionale.

Oggi, i freni Brembo sono dispositivi standard per auto come: Aston Martin, Porsche, Ferrari, Pagani e Lamborghini; anche per auto ad alte prestazioni come Ford GT ed alcune versioni speciali della Jaguar XKR. E’ fornitore, dal 1964, per Alfa Romeo e Moto Guzzi dal 1972.

Inoltre, stringe contratti anche con rinomate case motociclistiche, quali: Cagiva, Ducati, MV Augusta, Aprilia, BMW, Harley Davidson, Triumph Motor Company, TM Racing e Yamaha, tanto per citarne alcune e la firma Brembo compare anche sugli impianti frenanti delle autovettura da Formula 1 come la Ferrari ed i team di MotoGP di Yamaha e Ducati.

Oltre alla carica di presidente della Brembo, Alberto Bombassei riveste ulteriori incarichi come: consigliere di amministrazione della Italcementi – Atlantia – Pirelli – Ciccolella e Nuovo Trasporto Viaggiatori; presidente di Federmeccanica – del Gruppo ANFIA Componenti (Associazione Nazionale Fra Aziende Automobilistiche); vicepresidente dell’A.N.C.M.A. (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori);  nonché vicepresidente per le Relazioni Industriali, Affari Sociali e Previdenza. Ed ancora, nel 2004 viene insignito della carica di Cavaliere del Lavoro.

Possiamo ben dire che Bombassei ha tutte le carte in regola per ambire alla presidenza del colosso di viale dell’Astronomia anche se, gli ultimi rumors, danno per favorito il diretto concorrente, presidente della Mapei. 

Tuttavia la forza dell’imprenditore vicentino è innanzitutto mediatica, perché per rimontare lo svantaggio punta in primo luogo sul sostegno diretto ed indiretto dei mezzi di informazione e dell’appoggio (e non è poco) dei suoi due più ambiti sostenitori: Luca Cordero di Montezemolo e Carlo De Benedetti.

Ora, non ci resta che… attendere il 27 marzo 2012!

 (Febbraio 2012)

Foto


Video

I Focus di H2biz

Prodotti e servizi

Apple iPad 2 (Wi-Fi + 3G - 16GB)

Informatica e tlc
Digital Srl

ITALIAN WINE SELECTION

Alimentare
lorenzo di matteo

Monitoraggio e Localizzazione del Paziente

Salute e Benessere
Administration's Center sas

Eventi

Webinar 2017 sulle Reti di Impresa

Eugenio Ferrari
imprenditori

Expo Franchising Napoli

Soluzioni srl
aziende

Stati Generali dell'Autore 2016 - F.U.I.S.

Luigi De Valeri
professionisti

H2biz © Copyright 2008 - 2017 H2biz S.r.l.
P.Iva/C.F. 06149921212 | Via Kerbaker, 91 - 80129 Napoli
e-mail: info@h2biz.eu - G.S. - credits

Siti del Network vai